Abusi parte terza: ma in quanti c’ hanno messo lo zamp……one ????


millefoglie-zampone  

A Senago ci sono 20 famiglie che da anni vivono in una situazione assurda creata da un costruttore edile evidentemente poco affidabile e, siccome non vogliamo pensar male, anche da una burocrazia amministrativa troppo ingarbugliata e forse da giochini politici tra partiti per scaricarsi eventuali colpe.

Ci sono addirittura condomini che non riescono a rogitare e poter dire finalmente di possedere una casa. Molti sono ancora allacciati al contatore elettrico del cantiere e altri addirittura non riescono a prendere la residenza a Senago. Senza contare che l’insediamento urbanistico De Gasperi quasi sicuramente è stato deciso quando già si conosceva l’ubicazione, a soli 200 metri, delle ormai prossime vasche di laminazione (fogna a cielo aperto). 

Come avrete già letto sui giornali locali poi, sulla vicenda abusi edilizi in via Londra,  vengono aggiunti periodicamente nuovi particolari che rendono la vicenda sempre più intricata.

Neanche noi quando ci siamo opposti alla variante, che di fatto avrebbe sanato gli abusi edilizi, eravamo a conoscenza  che dietro vi erano anni di carte, sopralluoghi, denunce, ricorsi  e  giochetti tra maggioranza e opposizione che trasversalmente coinvolsero 2 giunte comunali.

Ora, come sapete, la variante è stata bloccata a causa della presenza abusiva di 14 box sotterranei non previsti in fase progettuale, ma anche dalla realizzazione di un ben più visibile piano in più (il quarto).  

Ufficialmente la giunta comunale afferma che la delibera con la variante è stata ritirata poiché sono stati riscontrati “nuovi”(?) abusi (la presenza dei 14 box). Questa versione é stata ribadita nuovamente, lo scorso  21 dicembre in consiglio comunale, dal Sindaco. Fois ha infatti affermato che l’ abuso iniziale era inerente solo ad un ” piccolo muretto” che lì non doveva essere presente.

Tesi clamorosamente smentita dalla sentenza  N. 00990/2012 del Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Seconda) il 26 gennaio 2012, che parla inequivocabilmente di 14 Box……..altro che il muretto!!! 

I 14 box erano già presenti ai tempi e di fatto andavano abbattuti. Tutti sapevano e qualcuno ora evidentemente non sta dicendo la verità.

Addirittura la delibera di settembre 2015  (G.C. N. 125 DEL 10/09/2015)  allegava i disegni del costruttore, dalla quale era evidente (anche ad occhio meno esperto) che sotto il manto stradale di Via Londra ci fosse qualcosa di non legale. Ma come è possibile che nessuno, tra tecnici e politici di ogni schieramento, si sia accorto di nulla dopo tutto quello che è capitato in questi ultimi 5 anni  ??????????????

Ora la parte simpatica della vicenda. Sempre all’ interno dei giochetti politici alla quale non vogliamo partecipare , la Lega Nord afferma che noi del m5s, con le nostre osservazione (guarda caso le uniche arrivate e ricordiamo, per i meno attenti, “inviate alle forze dell’ordine e alla Procura della Repubblica”), abbiamo ipoteticamente salvato la giunta da una denuncia penale, che sempre loro avrebbero presentato non appena la delibera fosse entrata in vigore. Si certo, come no !!  Della serie: il delirio più assoluto.

Il Movimento 5 Stelle Senago ha denunciato l’ abuso appena l’ha scoperto e dopo “anni di silenzio totale” da parte dell’ amministrazione e di tutte le forze politiche in consiglio che, a nostro avviso, non potevano non sapere. Forse se qualcuno di questi avesse fatto la stessa cosa negli ultimi 5 anni, oggi 20 famiglie passerebbero un fine anno più sereno.

Speriamo, per non farci ulteriori strane idee, che l’ amministrazione e tutte le forze politiche si schierino “senza se e senza ma” dalla parte di questi cittadini che da tempo stanno vivendo un vero e proprio calvario,  mettendo in atto quanto è possibile per aiutarli a risolvere i loro problemi.  

Altrimenti la politica a cosa diavolo serve ?????

MoVimento 5 Stelle Senago

Lascia un commento