Project Financing Cimitero : Il proponente a rischio fallimento ?


  

Il 23 Gennaio 2017 l’amministrazione, attraverso la Centrale Unica di Committenza, pubblica la Gara per il Project Financing Cimiteriale.  Ci sembra assurdo che la giunta non fosse a conoscenza che l’azienda, proponente e beneficiaria di prelazione sul bando di gara,  risultasse in concordato preventivo dal 7 dicembre 2016, ovvero a rischio di fallimento ( link Procedura Tribunale di Busto Arsizio ). Se il piano di concordato, che dovrà essere presentato entro  il 31 marzo 2017, non venisse accettato, l’azienda seguirebbe l’iter della legge Fallimentare art. 161.

Probabilmente l’accelerazione evidenzia la volontà di assegnare entro marzo l’appalto con partenza il primo di Aprile 2017 ? Forse per consentire all’aggiudicatario di inserire nella proposta di concordato il nuovo contratto per il cimitero di Senago ?   Ma dove ci stanno portando ?????  

La cronaca di un disastro annunciato (link)  

 

 

Inoltre la pubblicazione del bando di gara è avvenuta nonostante con una nota, indirizzata a tutti gli enti interessati, avessimo sollevato la questione della mancanza del Piano Regolatore Cimiteriale ,documento principe e obbligatorio per operazioni di questo tipo in base ad un Regolamento della Regione Lombardia del 2004 e s.m.i.. 

Il regolamento prescrive l’obbligatorietà per tutti i comuni della Regione Lombardia di dotarsene, a maggior ragione in occasione di “costruzione di nuovi cimiteri o ampliamento di quelli esistenti”. Ebbene il Segretario Generale, in perfetto burocratese, ci risponde che il Piano Regolatore Cimiteriale in essere è quello del 1998 e che a pag. 2 della Bozza di convenzione allegata alla delibera 104 c’è uno specifico richiamo. Purtroppo però, sono completamente omessi i riferimenti dell’atto da lui ri­chiamato.

Ci chiediamo quale sia la spiegazione logica che renda coerente ed utilizzabile un documento del 1998 ad una legge e Regolamento uscito nel 2004, ovvero 6 anni dopo.

Infine su tutti i documenti del PGT (Piano del Governo del Territorio) vigente dal 2014  si rimanda inequivocabilmente alla redazione di un nuovo Piano Regolatore Cimiteriale, oggi non presente. Questa notizia sommata all’ ultima sul possibile fallimento del proponente creano una miscela esplosiva sulla testa dei cittadini senaghesi.

Pertanto riteniamo illegittimo l’eventuale atto di assegnazione dell’appalto per il Project Financing (Finanza di Progetto), in quanto mancherebbero i presupposti amministrativi e legali che ne certificano la regolarità.

Pensiamo che sia reale il rischio per l’ente di future richieste danni da parte di più soggetti:

  • dal proponente o altro eventuale aggiudicatario che vedrebbero sfumare l’affare (per la mancanza del documento sopraccitato)
  • da eventuali creditori in caso di successivo fallimento.
  • da parte dell’operatore confinante, la cui attività si svolge all’interno della fascia di rispetto obbligatoria minima di 50 metri, prevista per legge. 

Resta inteso che il Movimento 5 Stelle di Senago, indipendentemente dal risultato delle prossime amministrative, non mancherà di intraprendere tutte le azioni necessarie a tutela della nostra comunità verso chi ha operato per portare a compi­mento un’ operazione che riteniamo pericolosa per tutti.

 

MoVimento 5 Stelle Senago

Lascia un commento