Senago 2017. Perché niente rimanga com’è, tutto deve cambiare!


 

È veramente interessante se non addirittura intrigante vedere come la storia sia non solo maestra di vita ma anche fotografia di comportamenti e abitudini che si ripetono.

Nell’antica Roma come oggi prima delle elezioni nei municipia, i candidati si mostravano ai loro elettori in pompa magna e si destreggiavano in una campagna elettorale spregiudicata, fatta di promesse, colpi bassi e corporazioni in azione per favorire i propri garanti.

Lo stesso Cicerone si racconta che, dovendo sopperire alla, mancanza di nobiltà, si mostrasse sempre accompagnato da “portaborse”, alla ricerca di amicitiae e consensi, tastando il polso delle lobbies, demonizzando dove fosse utile e necessario i suoi competitores. Ma ciò che mi colpisce di più è che spesso pronunciava questa frase:” Benché ciò che conta di più è la naturale disposizione, tuttavia sembra che in una faccenda limitata a qualche mese (cioè la campagna elettorale, n.d.a.), la simulazione possa avere la meglio sulla naturale disposizione. E questa stessa idea venne ripresa da Machiavelli quando nel Principe ricorda come il governante debba essere gran simulatore e dissimulatore!

Quindi questo significa che in campagna elettorale sia sufficiente essere buoni imbonitori, simulare ciò che non sarà, apparire ciò che non si è. Questo è ben sottolineato da Carlyn Warner che afferma:” Anni fa le fiabe iniziavano con “C’era una volta…”. Oggi sappiamo che iniziano tutte con “Se sarò eletto…”. Perché è facile riempirsi la bocca di promesse, è facile dire “costruiremo un ponte anche là dove non c’è un fiume”.

Poi la storia dimostra che quando si arriva e si vince, quanto prima detto, promesso e dichiarato non accade e peggio ancora, se ci si ripropone alle elezioni successive, si cerca di cancellare dalla mente degli elettori quanto “non fatto”, vantandosi di imprese mai compiute perché, ahimè la politica ha cessato di essere la scienza del buon governo ed è diventata la scienza della conquista e della conservazione del potere!

La vera forza deve essere quella di avere il coraggio di cambiare, spendere le proprie energie ed emozioni, avere un obiettivo vero che diventa il motore del cambiamento. Perché la nostra voglia di portare il cambiamento e la nostra motivazione a cambiare sarà sostenuta dalla consapevolezza che quel che facciamo rappresenta un vantaggio non per noi,  ma per la comunità.

Oggi Senago deve avere il coraggio di ribaltare il gattopardismo della vecchia politica; di fermarsi a riflettere attentamente; di analizzare le scelte politiche passate verificando la situazione odierna della città; di comprendere i comportamenti incoerenti di chi non sarà mai libero di scegliere; di non farsi ammaliare dalle sirene del finto cambiamento, del clientelismo, delle alleanze improbabili che renderanno Senago ingovernabile, delle menzogne e della ricerca di poltrone a tutti i costi. E’ arrivato il momento di comprendere che…  perché niente rimanga com’è, tutto deve cambiare ! Proviamoci.   

 

 

A riveder le stelle!!

 

MoVimento 5 Stelle Senago

 

 

 

Lascia un commento