Appello ai senaghesi


il-salto-della-quaglia

SENAGHESI ….

È quanto mai indispensabile ed impellente un cambio culturale e di prospettiva nell’agire politico amministrativo.  Pena, un drammatico declino che oramai manifesta segni tangibili del suo percorso all’interno della nostra comunità e più complessivamente in tutta la società italiana.

Per questo vi chiediamo di dare un forte segno, oltre che a livello europeo e nazionale, anche e soprattutto a livello locale, attraverso lo strumento più democratico che disponiamo, per  manifestare i nostri sentimenti verso le classi dirigenti che fin qui ci hanno condotto, ovvero il voto. E VOTANDO ALLE EUROPEE DEL PROSSIMO 25 MAGGIO:

 

MOVIMENTO 5 STELLE

Cogliamo perciò l’opportunità del voto europeo per far arrivare forte è chiaro un monito inequivocabile e manifestare così, tutto il nostro disappunto sull’attuale amministrazione senaghese e, più in generale, al ceto politico che alternativamente negli ultimi anni ha “sgovernato” la nostra Senago.

Questa giunta è nata da un’ibrida alleanza tra i soliti lobbisti patentati del territorio, per vincere le elezioni ma non per governare la difficilissima congiuntura che ci vede oramai immersi fino al collo e che ci sta massacrando a livello sociale.

Era chiaro che la precedente amministrazione di centro destra Rossetti cadde sulle questioni, che poi hanno “CEMENTATO” la futura alleanza di centro sinistra fin dall’inizio dalla loro vittoria elettorale……. ovvero l’edilizia.

Quest’amministrazione ha avuto  e continua ad avere come “bussola di orientamento” l’approvazione definitiva del Piano del Governo del Territorio, con una cementificazione anacronistica del patrimonio a verde del territorio di Senago (si prevedono circa 150.000 metri cubi di nuovi edifici), quando il territorio è disseminato di edifici vuoti, sfitti e invenduti. Per questo motivo che 1 anno e ½ fa promuovemmo una petizione, che tuttora stiamo portando avanti, ispirata dal FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER LA DIFESA DEI NOSTRI TERRITORI.  Chiedevamo, attraverso la petizione, che l’amministrazione prima di concedere nuove aree vergini da edificare, facesse un censimento urbanistico su cui ragionare e porre le basi sulle reali esigenze edificatorie della comunità senaghese. Infatti su tutto il territorio di Senago esistono “più di 1.000” abitazioni sfitte, vuote e invendute. Senza contare che con il nuovo PGT hanno abbassato gli indici di edificabilità dell’esistente, danneggiando pesantemente i cittadini che avessero la necessità o la possibilità di elevare magari un piano della loro abitazione, ristrutturando il loro immobile, migliorando la classe esergetica e incentivando il lavoro delle piccole imprese sul territorio.

Ebbene, abbiamo raccolto circa 1000 firme e l’amministrazione che tra gli slogan propagandati in campagna elettorale aveva: “ Consumo Zero del Territorio” + “incentivazione alla partecipazione cittadina”…. se ne è altamente infischiata del parere di così tanti senaghesi.

Complice la drammatica crisi economica che ha praticamente paralizzato l’edilizia, anziché affrontare con visione innovativa ed equilibrata la situazione reale, ha visto questa pessima amministrazione correre ed impegnarsi soprattutto per l’approvazione del PGT arrivando a perdere per strada, per dissidi dovuti alle spartizioni della sperata torta edificatoria, diversi pezzi di maggioranza, con le solite penose migrazioni pindariche.

Il primo pezzo, anche se non ufficialmente riconducibile alla questione, fu il Vice Sindaco PD. A seguire il licenziamento durante il Consiglio comunale del 17 dicembre 2013 di altri due assessori del partito democratico. Per riequilibrare l’emorragia del partito il Sindaco Fois ha visto bene di lasciare SEL, partito con il quale si era presentato ai cittadini, per migrare bellamente al PD (ormai spaccato in due correnti ben distinte).  Ma non è finita qui!  Il consigliere di maggioranza IDV, ha battuto i pugni e ha preteso un assessorato, che gli è stato concesso. Questo l’ha costretto a dimettersi da consigliere IDV, ma a sorpresa il subentrante (primo dei non eletti in quella lista e tra l’altro neanche cittadino senaghese), durante il suo discorso d’insediamento, ha candidamente elogiato l’operato fin qui della Giunta, coprendosi di ridicolo, e ha comunicato che lasciava la lista IDV per approdare alla lista di SEL, fresca orfana di sindaco. Forse per non lasciare sola il Presidente del Consiglio Comunale, anch’ella di SEL. Al consiglio comunale del 28/29 maggio 2013, l’allora consigliere IDV, già picchiava i “pugni sul tavolo” per reclamare una posizione di maggior prestigio all’interno dell’amministrazione (da manuale Cencelli). Attaccava la presidente del C.C. (presumibilmente per ambire a quel ruolo) e si vedeva rispondere dal Sindaco, con l’arroganza che sta contraddistinguendo il suo mandato ……..“chiedo inoltre se il consigliere ambisca a chissà quale poltrona, piuttosto a chissà quale maggioranza, … dopo che la sua forza politica è stata “TRAVOLTA” alle ultime elezioni”…….. (http://www.senago5stelle.it/?p=1614)

Ora con l’operazione il Sindaco ha PRESO 3 PICCIONI CON UNA FAVA:

  • con la nomina del consigliere IDV ad assessore l’ ha praticamente  disinnescato (la vicenda Interdonato/Palazzolo Docet),
  • si è tolto dalle scatole l’ IDV dal consiglio comunale, considerato che a suo dire, per effetto del risultato elettorale, aveva perduto legittimità.
  • risolto, per ora, la crisi di giunta……almeno fino all’approvazione definitiva del PGT. 

Insomma il panorama politico senaghese è degno rappresentante dello squallido panorama Nazionale.

Anche qui, oltre qualche iniziativa ricreativa riuscita, ha visto abbandonare il territorio in balia dell’incertezza più assoluta con problemi serissimi lasciati incancrenire dall’immobilismo degli attuali amministratori, intenti a litigare tra loro su come spartirsi la “presunta” torta edificatoria.

“e quindi uscimmo …………………….A riveder le stelle”  !!!!   (ultimo verso dell’ Inferno – Divina Commedia – Dante Alighieri) 

MoVimento 5 Stelle Senago